Un solo pianeta, miliardi di storie da raccontare

Mostra temporanea «Photopsia»

Artista visivo Markus Krottendorfer - LUMEN 15 giugno 2024

Artista visivo di fama internazionale

Ci troviamo sulla cima di Plan de Corones al museo LUMEN, considerato la casa della fotografia di montagna, dove lo scorso 15 giugno si è inaugurata la mostra temporanea «Photopsia» di Markus Krottendorfer, visibile fino al prossimo 31 ottobre.

Markus è nato a Vienna nel 1976 dove vive, lavora e ha terminato il percorso di formazione alla Schule für künstlerische Fotografie, e dove ha conseguito il diploma all’Accademia di Belle Arti.

È un artista visivo di fama internazionale che ha partecipato a svariate mostre, personali e di gruppo, e ha realizzato svariati volumi illustrati.

Nel suo percorso artistico indaga il fondamento incerto del nostro presente. Ad affascinarlo sono errori e ipotesi fallite che, prima di essere confutate, godettero di grande successo arrivando a plasmare il nostro mondo. Avvalendosi di particolari tecniche fotografiche, interviene nei luoghi che conservano le tracce di queste talvolta bizzarre congetture per interrogarne la portata utopica (presente e passata) e gli eventuali riflessi sulla nostra realtà.

La mostra «Photopsia», un termine che indica percezioni visive di tipo allucinatorio, riunisce tre progetti incentrati su altrettante finzioni di epoca tardo-moderna:

«Mountains of Kong» – la catena dei monti Kong, riportata sulle cartine geografiche fino ai primi anni del Novecento, in realtà mai esistita, testimonia la produzione coloniale di conoscenze fittizie sul continente africano

«Point of View» – gli studioli cinesi del Palazzo Vescovile e dell’Abbazia di Novacella a Bressanone trasportano la visione romantica di un «Oriente» immaginario e documentano al tempo stesso l’influsso delle rappresentazioni egemoniche del mondo

«Phantom of the Poles» – nel 1906 William Reed pubblicò un libro così intitolato nel quale sosteneva che all’interno della Terra si sviluppasse un altro mondo, abitato forse da popoli sconosciuti: un esempio ante litteram di «verità alternativa»?

Tutti e tre i progetti permettono di riflettere sul ruolo attuale della fotografia tra realtà e finzione, verità ed errore.

Progetto curato da Giacomo Bertini con la collaborazione del LUMEN Museum (www.lumenmuseum.it)

← Vai alla prossima news

Condividi questo contenuto

Facebook
Email
Pinterest
Print
Twitter
LinkedIn
Telegram
WhatsApp

Esplora ancora

Europa

Italia

Africa

Asia

Oceania

Sud America

Nord America

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *